// stai leggendo...

Cinema

Festival?

Se ricordo bene, era il giugno, o il luglio, del 1983, quando tornai a Trieste, dopo quattordici anni che non vi mettevo piede. Lo scopo era duplice: iniziare una collaborazione col “Piccolo” (che avevamo lasciato nel 1954, quando si chiamava provvisoriamente “Il Giornale di Trieste”) e partecipare a un dibattito, ove si discettava sulla possibilità o meno di tenere in vita il festival del Film di Fantascienza, nato nel ’63, ma che ormai si trascinava in stato preagonico, e non solo per mancanza di adeguate sovvenzioni. Lo ricordo, perché “Il Piccolo” mi chiese seduta stante un articolo sul dibattito, che scrissi sull’aereo che mi portava a Roma. Dove dicevo che il festival era entrato in crisi il giorno in cui il cinema di fantascienza era passato dai film di “serie B” ai film di “super serie A”, cioè ai film più impegnativi dell’industria hollywoodiana, che per via dei loro costi, dovevano porsi al vertice della classifica degli incassi. Le Guerre stellari, gli Incontri ravvicinati del terzo tipo, gli E. T., venivano rifiutati ai festival “generalisti” (Berlino, Cannes, Venezia), perché era rischioso porli preventivamente al vaglio della critica. A maggior ragione non li si mandava ai festival “specializzati”, come quello di Trieste, ormai ridotti a prendere gli scarti della produzione maggiore.

Certe profezie di J. Toth

A diciassette anni da quella estate, che praticamente sancì la fine del festival, la situazione sul piano dei film non appare cambiata. In più sono entrati in crisi pressoché tutti i festival che non sono riusciti a divenire un evento mediatico internazionale. Potrebbe divenirlo il Festival di Trieste se, rinascendo, volesse riprendere il discorso da dove lo avevamo interrotto? Ve lo immaginate un evento mediatico centrato su dei film di “serie B”? Evidentemente no. Né è pensabile un ritorno generale del cinema alla situazione degli anni Sessanta. Siamo in un momento di rapida trasformazione dell’audio-visivo, che parte dal settore tecnico e finisce per investire i modi stessi della sua fruizione. Ecco, forse, la soluzione. Vedo nel futuro la possibilità di un appuntamento annuale per documentare, anche sul piano spettacolare, le tappe successive di questa trasformazione. Appuntamento, l’ho chiamato, poiché “festival” è un termine che allo stato delle cose potrebbe anche portare sfortuna.

Il presente testo proviene dal quaderno, edito da La Cappella Underground, a cura di Massimiliano Spanu, pubblicato in occasione della manifestazione “Science+Fiction. Festival della Fantascienza di Trieste” grazie al contributo della Cineteca Regionale Friuli Venezia Giulia.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (III): New York Movie

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Musica indipendente o alternativa?

Musica indipendente o alternativa?

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (II): The Sheridan Theatre

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Il canto degli italiani

Il canto degli italiani

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (I): The Circle Theatre

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

La rivoluzione elettronica della musica

La rivoluzione elettronica della musica

La satira sociale in Anniversario di Harold Pinter

La satira sociale in Anniversario di Harold...

Speciale Violante

Speciale Violante

Il rovescio della medaglia (?)

Il rovescio della medaglia (?)

Muhal Nensah: non voglio dimenticarlo

Muhal Nensah: non voglio dimenticarlo

Edgar Allan Poe The Horror Gamebook

Edgar Allan Poe The Horror Gamebook

Il teatro cileno contemporaneo e le sue radici storiche

Il teatro cileno contemporaneo e le sue...

Dall’Attaché d’ambasciata di Henri Meilhac alla Vedova allegra di Franz Lehár

Dall’Attaché d’ambasciata di Henri Meilhac alla Vedova...

Con un dito solo

Con un dito solo

L’uomo sorridente

L’uomo sorridente

Psycho non abita più qui

Psycho non abita più qui

Una giornata mondiale dell’arte per festeggiare Leonardo Da Vinci

Una giornata mondiale dell’arte per festeggiare Leonardo...

Vivere tra l’aspra realtà e la dolce immaginazione

Vivere tra l’aspra realtà e la dolce...

La scoperta di Cosa nostra

La scoperta di Cosa nostra

Edgar Allan Poe a teatro in versione vaudeville

Edgar Allan Poe a teatro in versione...

Grammy Awards 2021

Grammy Awards 2021

La vendetta femminile: violenza, assurdità e umorismo...

Donne e mille archetipi, tra mitologia, musica...

Desiderio tra i desideri: un caffè con...

La vendetta femminile: violenza, assurdità e umorismo...

Casomai un’immagine

mar-31 viv-17 viv-28 pck_03_cervi_big pck_13_cervi_big th-20 th-33 th-45 22 02_pm kubrick-32 thole-02 meltdown ruz-08 petkovsek_09 piccini_07 d acau-gal-09 bav-04 busdon-11 tav1 holy_wood_29 pm-09 pm-32 12 tsu-gal-big-08 Thomas Hirschhorn / Padiglione Svizzera Jingle newton Dog Eat Dog Quarto movimento, 1951 Carol Rama