// stai leggendo...

Arte

Maquillage e vestiario come linguaggio nei video di Floria Sigismondi (I)

I protagonisti della storia

Marilyn Manson nel 1996, anno di Antichrist Superstar e della collaborazione con Floria SigismondiFloria Sigismondi è una fotografa di 31  anni (nel 1998, ndr) di origine italiana, cresciuta in Canada, si specializzò in diverse realizzazioni quali interviste e copertine di dischi prima di essere chiamata a dirigere video musicali.
Marilyn Manson è un controverso gruppo rock che ha origine in Florida (U.S.A.), fondato e diretto da Brian Warner, più noto come il Reverendo Marilyn Manson.

Loro apportano l’idea condensata in una canzone, lei le immagini semi-oniriche per rappresentarla.

Il risultato, due video di un contenuto di forte impatto, entrambi carichi dell’iconografia tipica della regista, che include trasformazioni corporee mediante l’uso del maquillage e di strumenti ortopedici o di terapia medica, apparizione di personaggi ad alto contenuto simbolico, scenari logori o decadenti (case o capannoni abbandonati) con ambientazioni in tonalità che vanno dal marrone al seppia, dal verde all’azzurro.

La Sigismondi ha lavorato anche per altri artisti quali David Bowie, Filter e Tricky, che coincidono per la loro tendenza ad uscire dall’ambito della musica tradizionale per sperimentare suoni e sensazioni completamente diversi.

The Beautiful People è il cortometraggio più conosciuto della regista, precedentemente aveva lavorato con gruppi canadesi come The Tea Party, Pure e Victor. In seguito realizzò i video Makes Me Wanna Die (Tricky) Little Wonder (David Bowie), Tourniquet (Marilyn Manson), Can´t You Trip Like I Do (Filter & The Crystal Method) e Most High (Jimmy Page & Robert Plant) nei quali mantenne le medesime forme espressive.

La regista riconobbe il carattere semi-onirico del materiale visivo dei suoi video in una intervista concessa a Mtv News in cui dichiarò: “Molte delle mie immagini semplicemente nascono in quel istante in cui uno si sta addormentando, e normalmente finisco per scrivere nell’oscurità o appena mi alzo”1.

Il gruppo Marilyn Manson nel 1996, anno della collaborazione con Floria SigismondiDa parte sua, Marilyn Manson è un gruppo rock formato nel 1989 a Ft. Lauderdale (Florida) da Brian Warner (alias Marilyn Manson) e dal chitarrista Scott Mitchell (alias Daisy Berkowitz). Fin dal suo esordio, il gruppo si caratterizzò per la sua tendenza ad impressionare i suoi seguaci, la qual cosa si riafferma anche in seguito, dopo la stipula del contratto con la compagnia Nothing Records, diretta da Trent Reznor, uno dei più noti musicisti del genere industrial 2.

Attualmente (1998, in seguito se ne sono andati il chitarrista, e, nel 2002, il bassista, ndr) il gruppo è formato da Marilyn Manson, la voce, Twiggy Ramírez al basso, Zim Zum alla chitarra, Madonna Wayne-Gracy alla tastiera e Ginger Fish alla batteria. Questi, evidentemente, non sono i veri nomi dei componenti del gruppo, quanto dei nomi d’arte presi al loro ingresso nella band. Normalmente sono il risultato della combinazione di nomi di famosi serial killer con quelli di artisti cinematografici o televisivi.

Il gruppo inizia a scalare le classifiche con una versione di Sweet Dreams, canzone appartenente agli Eurythmics, importante gruppo musicale degli anni Ottanta. Il video promozionale della canzone mostra i componenti del gruppo in una casa abbandonata; il centro dell’attenzione è Marilyn Manson, che si vede, in una delle scene più controverse del video, graffiarsi l’addome con uno strumento appuntito e tagliente, azione che lo stesso ripeterà dal vivo nei concerti del tour per reclamizzare l’album Antichrist Superstar.

La consacrazione del gruppo e della Sigismondi, si avrà quando entrambi uniranno le loro forze creative per dare vita a The Beautiful People, video che per i primi costituirà l’opportunità di sfruttare la propria immagine a un livello più alto, e per la regista l’apertura di un ambito professionale che trascenderà probabilmente quello dei video musicali, dato che, secondo dichiarazioni della rivista “Time”3, le sono già stati offerti vari copioni cinematografici perché li diriga.

Presentazione delle immagini 

The Beautiful People: una delle immagini presentate in sequenza accelerataLa regista ha sviluppato una forma particolare di presentare i fatti, disponendoli in serie di riprese a sequenza accelerata che impressionano lo spettatore senza permettergli di prendere coscienza del contenuto osservato. Questo tipo di linguaggio permette di introdurre immagini che non possono essere decodificate dal cosciente e che pertanto si immagazzinano nel subcosciente, processo conosciuto come messaggio subliminale.

La presentazione dei fatti è apparentemente trascurata, si vedono riprese molto sfocate, in cui si può a malapena identificare qualche oggetto o personaggio, del resto, dato che si cerca di presentare un fatto crudo, l’impiego di altri tipi di fotografia avrebbe alterato il concetto originale.

La narrazione si sviluppa in sintonia con un ritmo fisso di tensione-distensione, fondato sull’effetto causato da alcune delle immagini, diversamente dando enfasi solo alle scene più impressionanti sarebbe risultato impossibile ottenere il favore del pubblico e delle reti televisive incaricate di trasmettere il video. Il linguaggio visivo impiegato permette di creare un risultato sufficientemente controverso ma accettabile per il pubblico appassionato a questo tipo di musica.

Linguaggio visivo della Sigismondi 

Il corpo è il fulcro di tutte le azioni, lo si osserva trasformato grazie al trucco e al vestiario di differenti provenienze e generi.
I cosmetici sono impiegati quali agenti trasformanti, non creano un individuo esteticamente più bello quanto piuttosto lo portano ad uno stadio intermedio di mutazione che permette di riconoscere il soggetto sottoposto alla trasformazione senza però svelarne i trucchi.

il volto truccato in Touriniquet Il volto si copre di una simbologia sovraccarica, convertendosi in un’immagine macabra. Ombre oscurano gli occhi fino a renderli dei buchi neri o delle maschere (con reminiscenze delle decorazioni corporee delle tribù africane). Toni neri o rossastri si applicano senza cura sulla bocca, deformandola, ma anche allo scopo di rimarcarla come elemento di comunicazione, è lei che trasmette il messaggio.

Il comune essere umano svanisce, cede il passo ad un personaggio che usa una maschera di carne viva per recitare il suo ruolo.

Il vestiario è costituito di stracci strappati. Si indossano collant smagliati sulle braccia e sulle gambe, sufficientemente trasparenti da lasciar intravedere un trucco indelebile: il tatuaggio.

Il passato obsoleto si riflette negli indumenti antichi e nel tono sarcastico dato ai frammenti di video in cui appaiono. Le immagini che ritraggono il tempo attuale mostrano solo icone mutanti, si vive in un mondo segnato da ricordi inutili, in cui la trasformazione è obbligatoria.

Si inserisce qui un’altra categoria di vestiario, costituito dall’uso di apparecchi ortopedici o protesi. Il loro utilizzo non obbedisce a fattori estetici, né ha alcuna funzione protettiva delle parti in cui si collocano, il loro unico scopo è quello di correggere o costringere un corpo che altrimenti non permetterebbe l’ottenimento di ciò che si desidera: potere nel video The Beautiful People, amore nel video Tourniquet.

La farfalla in TourniquetLo spettatore si trova dinnanzi alla nozione di corpo docile, definito da Foucault come quello che “può esser sottomesso, che può essere utilizzato, che può essere trasformato e perfezionato“. Questo è esattamente ciò che si ricerca mediante l’impiego di tali apparecchiature. L’apparizione di animali enfatizza il riferimento alla metamorfosi. Si vedono principalmente insetti metamorfici (farfalle, scarafaggi e simili), o si assiste all’evocazione della metamorfosi attraverso un’altra delle sue forme: la morte, che in questo caso segna il termine di uno stadio e l’inizio di un’altro.

Così come il corpo muore fisicamente e si decompone per entrare a far parte del contenuto della terra, si passa da uno stato anatomico ad un altro più perfetto, anche se non per questo più piacevole ai nostri occhi. Questo processo implica una morte ed una resurrezione, che giustificano la presenza di questo tipo di animali.

The Beautiful People

I fatti presentati nel video fanno riferimento al potere raggiunto da un leader neo-fascista su una moltitudine, la quale è formata per la maggioranza da persone ultra-cinquantenni e da giovani con problemi di obesità che costituiscono un gruppo inferiore per casta4.
In relazione all’argomento prendono forma tre livelli d’azione: narrazione della storia, atti relativi al leader fascista ed atti inerenti alle caste inferiori.

The Beautiful People: Marilyn Manson (il vestiario io identifica leader fascista) e il suo popoloTutti i livelli vedono come protagonista il cantante, che si avvale dell’uso di diversi travestimenti per incarnare ogni personaggio. Nei vari livelli partecipano anche gli altri componenti del gruppo, e le comparse: guardiani del leader fascista, moltitudini comandate da questi e svariati corpi di vittime di torture presenti nel video.

Figurano anche animali relazionati con il concetto portante della canzone: la metamorfosi come mezzo per il conseguimento del potere.

Il testo della canzone è in linea con le immagini in numerosi momenti del video, in modo tale che se si osserva attentamente si possono trovare corrispondenze molto interessanti.

Tourniquet

Nel video si narra la storia di un amore proibito tra Marilyn Manson ed un manichino vivente che si nutre di insetti, specialmente vermi, somministratigli dal cantante stesso per mezzo di una pinzetta.

Il personaggio centrale è ancora il vocalist del gruppo, che incarna un essere condannato ad un amore impossibile, per il quale lotta cercando di trasformare il proprio corpo. Il suo assistente è un nano, il cui compito consiste fare da intermediario tra il cantante ed il manichino.

Certe immagini del video sono in stretta relazione con i concetti espressi nel cortometraggio promozionale di The Beautiful People, com’è il caso dei personaggi vestiti con abiti di reminescenza rinascimentale o barocca in avanzato stato di deterioramento.

Tourniquet: Manson prepara il macabro pasto del manichinoNuovamente fanno la loro comparsa animali simbolicamente associati al linguaggio visivo utilizzato nel video The Beautiful People, quali: il condor, il cavallo, gli scarafaggi, i vermi ed altri insetti usati per alimentare il manichino.

Anche in questo caso si possono identificare tre livelli di narrazione, in cui il centro dell’attenzione resta Marilyn Manson: nel primo livello si vede il cantante interpretare la canzone di fronte alla cinepresa, nel secondo lo si vede subire cambiamenti di varia specie e nell’ultimo stabilire nuovi vincoli con il manichino, che vanno dall’alimentarlo fino al diventarne lo schiavo.

Le comparse fanno la loro apparizione allo scopo di accompagnare Marilyn Manson nel suo processo di transizione pur senza prendervi parte, eccezion fatta per il nano che diverrà il suo braccio destro.

La relazione tra la storia ed il testo della canzone si stabilisce attraverso il contenuto dei fatti presentati nel video, anche se le immagini non sempre saranno in stretto rapporto con il testo, così come avveniva in The Beautiful People.

Mérida, Marzo 1998
Traduzione dallo spagnolo a cura di Annalisa Fabro e Daniel Arribas Leal

Le immagini dei video “The Beautiful People”e “Tourniquet e le foto sono tutte copyright Nothing/Interscope 1996

I video analizzati nel saggio di Nivaria Morales Salas sono disponibili in versione integrale nella sezione “archives” del sito www.marilynmanson.com


Marilyn Manson, Beautiful People
Marilyn Manson, Tourniquet 


Per approfondire la figura di Floria Sigismondi, leggete l’intervista presente su Fucine Mute

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

L’Italia è tutta una Brancalonia

2020: l’anno in cui Lucca cambiò

2020: l’anno in cui Lucca cambiò

Eva contro Eva a teatro con Gillian Anderson

Eva contro Eva a teatro con Gillian...

Che paura, nonno!

Trieste Science+Fiction 2020

Intervista a Antonio Buero Vallejo

Intervista a Antonio Buero Vallejo

Teatro a leggio: Il Dio del massacro

Florence Korea Film Fest 2020

Florence Korea Film Fest 2020

Perpendicolare: poesia, musica e movimento

Il sistema Shakespeare sotto accusa

Le rovine e le ombre di Manderley: Rebecca dal libro al film (II)

Le rovine e le ombre di Manderley:...

Le rovine e le ombre di Manderley: Rebecca dal libro al film (I)

Le rovine e le ombre di Manderley:...

Attori Quarantenati Anonimi: sopravvivere alla quarantena grazie...

Far East Film Festival 2020

Discorso sull’Orrore dell’Arte

La donna della domenica e le sue...

Teatro francese in allegria per situazioni di...

La Traviata al Maggio Musicale, febbraio-marzo 2020

Eclissi di Ezio Sinigaglia (Modus Legendi 2020)

Don Matteo: siate banali, siate buonisti

La coccinella e il gatto nero

La coccinella e il gatto nero

Fábio Moon/Gabriel Bà: Storie e non pin-up

Signori, il delitto è servito (in versione...

Trieste Film Festival 2020

Non solo giochi di ruolo

Jeff Grubb: Non solo giochi di ruolo

Casomai un’immagine

mar-01 mar-12 mar-17 mar-40 viv-37 pck_24_cervi_big th-20 02 15_pm kubrick-55 thole-17 malleus_05 bis_IV_01 piccini_10 m acau-gal-09 19 38 bav-04 tso5big lortv-03 sac_07 mis-pre1 pm-28 murphy-06 murphy-37 04 21 sla-gal-4 Dog Eat Dog