// stai leggendo...

Omnia

Sine Requie diventa maggiorenne
Matteo Cortini

Sine Requie diventa maggiorenne

Intervista a Matteo Cortini

Matteo CortiniL’aria che si respira all’Hotel San Luca è molto conviviale e amichevole, tra il pubblico ci sono parecchi volti noti che hanno seguito negli anni gli autori e il loro gioco di ruolo. Tanto che Matteo Cortini (universalmente noto come “il Curte”) non improvvisa quasi una presentazione o azzarda una conferenza, ma incita sin da subito alle domande. Alcune delle quali anche a carattere personale, a testimonianza dell’amicizia e dell’affetto che gli autori di Sine Requie hanno saputo cementare tra i fan dopo anni di uscite – ben diciotto!
Prima di cominciare, però, il Curte ha modo di far vedere una chicca: una versione rough di Sine Requie, cioè un volume cartonato confezionato a suo tempo da una copisteria per presentare il progetto ai vari editori a cui venne proposto il gioco, pubblicato inizialmente da Rose & Poison. Con giustificato orgoglio ci ricorda che le illustrazioni erano state fatte da Michele Benevento, che oggi disegna Tex.

Luca Lorenzon (LL): Quest’anno si celebrano i diciotto anni di Sine Requie, e ancora non è stata fatta chiarezza su cosa ha causato il Risveglio ma sono solo stati dati indizi. Arriverà un momento in cui finalmente svelerete tutto? 

Matteo Cortini (MC): Quando ce lo chiedono il Leo [Leonardo Moretti, l’altro autore di Sine Requie, NdR] risponde sempre che faremo “Come Miura, come Miura!” [riferimento a Kentaro Miura, autore di Berserk recentemente scomparso prima di poter finire la sua opera, NdR]. Per le spiegazioni è presto…

LL: Comunque puoi dirci cosa uscirà prossimamente per Sine Requie?

MC: Certo, sto lavorando al primo librogame di Sine Requie. Il settore dei librogame ha avuto un grande successo recentemente, si parla proprio di una rinascita del genere, probabilmente anche a causa della pandemia che ha costretto chi giocava di ruolo a restare in casa e quindi a trovare dei modi per giocare da solo. Per quelli della mia generazione di solito i librogame furono negli anni Ottanta un modo per avvicinarsi ai giochi di ruolo, anche se nel mio caso fu diverso perché conobbi prima i gdr e poi i librogame.
Non sarà comunque il primo librogame che produciamo: Fabio Passamonti ne ha già scritto uno per la nostra ambientazione L’Ultima Torcia e sta lavorando a un altro.

LL: Come si intitolerà questo librogame di Sine Requie?

MC: Ancora non posso dirlo, non perché sia un segreto ma perché il titolo ancora non c’è! Cioè, io ne ho in mente uno ma bisogna vedere se andrà bene anche a Leo e se non sarà troppo spoileroso.

rough Sine Requie

LL: E del gioco di ruolo di Sine Requie sono previsti nuovi manuali a breve?

MC: Sì, a dicembre di quest’anno o a gennaio 2022 dovrebbe uscire un nuovo libro.

LL: Bene! E di cosa parlerà?

MC: Di Sine Requie, ovviamente.

LL: Ok, ma sarà un manuale su uno dei vari gruppi che girano per quel mondo (come gli ultimi), la descrizione di una nuova ambientazione o altro ancora?

MC: Si può dire che sarà un manuale di ambientazione, visto che sarà ambientato nel mondo di Sine Requie.

LL: D’accordo, ho capito l’antifona, non vuoi sbottonarti. Puoi almeno dirmi se conterrà anche un’avventura?

MC: È previsto che ci sia anche un’avventura, però la sto scrivendo io e non so ancora quando la finirò! Spero di riuscirci per tempo.

LL: Insomma c’è un certo fermento intorno a Sine Requie.

MC: Certo, d’altra parte è il nostro prodotto che si vende meglio. Essendo una piccola realtà editoriale dobbiamo fare delle scelte e non possiamo portare avanti delle linee che non riescono a mantenersi sulle loro gambe perché tanto c’è il titolo di successo che tiene in piedi tutto il resto. Per questo al momento non usciranno nuovi prodotti per Anime e Sangue e Alba di Cthulhu. Invece L’Ultima Bomba ha avuto inaspettatamente una buona accoglienza.
Tra l’altro nel 2020 siamo rientrati in possesso dei diritti di Sopravvissuti, il romanzo di Sine Requie, precedentemente detenuti da Armenia: non è escluso che ci possa essere un seguito.

Sine Requie

LL: Ricordo che all’ultima Lucca presentaste una proposta particolare, che a me era piaciuta anche se la varietà degli argomenti non rientrava nei miei interessi: la rivista Nerdzine, che mi ricordava un po’ i tempi pionieristici di Rune o Crom. Non mi risulta sia mai uscito un numero 2, credo che la pandemia abbia avuto il suo peso…

MC: No, è andata in maniera diversa: la rivista era stata richiesta dai negozi specializzati, perché non ce n’erano più. Solo che una volta che l’abbiamo fatta uscire nessun negozio l’ha comprata! Forse per loro il prezzo era troppo basso e quindi i margini di guadagno diminuivano, ma ci sono anche lettori che si sono lamentati che era alto, anche se per meno di dieci euro offriva non solo avventure ma anche interviste, articoli, ecc.

LL: Da un po’ di tempo avete preso l’abitudine di allegare delle demo (cartoncini scritti da entrambe le parti con personaggi nuovi) ai vostri manuali di Sine Requie invece di far fare dédicaces ai disegnatori, il che per uno che deve ad esempio prendere il treno da Modena ed è coi minuti contati può essere utile, invece di aspettare fremente che il disegnatore gli finisca di fare il disegnino.

MC: Sì. Oltre a essere una cosa utile perché dà ai giocatori qualcosa con cui giocare, è stato anche un sistema per ovviare alle lamentele di quei lettori che magari volevano dei disegni impossibili da realizzare (“mi fai un Morto che esce da terra mentre sopra passa un aereo che butta una bomba e poi…”) o che si lamentavano perché secondo loro ad altri erano stati fatti dei disegni più belli!

LL: Oltre alle novità di Sine Requie cos’altro bolle in pentola?

MC: Usciranno due nuovi moduli: Tirannia dell’Idra per L’Ultima Torcia e Zalkatraz per L’Ultima Bomba.

LL: La pandemia ha avuto un qualche peso nelle vostre attività?

MC: Non poter vedere gli appassionati alle fiere è stato veramente pesante. Al di là di questo, abbiamo dovuto rinnovare il nostro sito. Adesso c’è uno store online per sopperire alla mancanza di contatti alle fiere ma anche altre iniziative come il gioco online per incontrarsi almeno virtualmente. Se c’è una cosa buona di questa pandemia, è che ha accelerato i tempi della tecnologia con cui giocare di ruolo virtualmente.

Matteo Cortini

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Dopo Padovaland

Miguel Vila: Dopo Padovaland

Fumetti vendicativi

Vincenzo Filosa: Fumetti vendicativi

Convergenze tra televisione e fumetto

Gianluca Parisi e Simone Delladio: Convergenze tra televisione e fumetto

Segnali positivi

Amos Pons: Segnali positivi

Sine Requie diventa maggiorenne

Matteo Cortini: Sine Requie diventa maggiorenne

Lucca Comics & Games ai tempi del Coronavirus

Lucca Comics & Games ai tempi del...

Warning (Trieste Science + Fiction 2021)

Warning (Trieste Science + Fiction 2021)

Dorothy non deve morire (Trieste Science + Fiction Festival 2021)

Dorothy non deve morire (Trieste Science +...

Witch Hunt (Trieste Science+Fiction Festival 2021)

Witch Hunt (Trieste Science+Fiction Festival 2021)

On Drums: la nascita del drum set e lo sviluppo del groove

On Drums: la nascita del drum set...

Guida all’ascolto: le strutture musicali

Guida all’ascolto: le strutture musicali

Bula (Torino Underground Cinefest)

Bula (Torino Underground Cinefest)

Amigo (Torino Underground Cinefest)

Amigo (Torino Underground Cinefest)

Denkraum: una favola distopica

Denkraum: una favola distopica

Bellissime: il sogno delle madri genera mostri

Bellissime: il sogno delle madri genera mostri

L’anti-famiglia The Smiths

L’anti-famiglia The Smiths

Frammenti di tre making of: Nightmare, Romeo + Giulietta, Pet Sematary

Frammenti di tre making of: Nightmare, Romeo...

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (III): New York Movie

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Musica indipendente o alternativa?

Musica indipendente o alternativa?

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (II): The Sheridan Theatre

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Il canto degli italiani

Il canto degli italiani

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (I): The Circle Theatre

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

La rivoluzione elettronica della musica

La rivoluzione elettronica della musica

La satira sociale in Anniversario di Harold Pinter

La satira sociale in Anniversario di Harold...

Speciale Violante

Speciale Violante

Casomai un’immagine

pas-10 pas-11 th-40 th-59 th-61 19_pm kubrick-10 kubrick-48 thole-15 petkovsek_18 dobrilovic_03 bon_12 n 29 busdon-16 cip-09 lor-1-big cor07 tav4 holy_wood_02 holy_wood_07 holy_wood_21 holy_wood_27 s4 sac_07 sac_09 murphy-15 32 38 Ritrovamento oltremare 2009