// stai leggendo...

Scrittura

Mario Luzi

La fede del poeta

Il Premio Montale ha voluto celebrare Mario Luzi, la sua grande opera poetica, l’umanità che lo contraddistingue. Rievocando la passione che Luzi nutre per la figura di Gesù Cristo, la banda delle scuole elementari e medie di Gubbio ha suonato alla chiusura dell’evento Jesus Christ Superstar; il presentatore Melo Freni ha ricordato i suoi incontri con il poeta, i consigli e le parole gentili; Maria Luisa Spaziani ha voluto sottolineare l’amicizia con Eugenio Montale. Io l’ho catturato a conclusione della giornata di sabato: la sua voce era bassa, ma pescava nell’animo. Poche parole bastano per illuminare la consapevolezza di un uomo e i poeti dicono la verità. Allora ascoltiamo…

Christian Sinicco: Una rapida battuta con Mario Luzi, poeta sommo. Hai dichiarato un giorno una cosa molto bella. Il poeta è quasi il cavaliere della fede che porta avanti le idee per la società…

Mario Luzi: La fede è piena di dubbi per tutti. Il poeta quando ne è toccato, quando ne è investito bussa anche delle porte che non sono aperte; interroga il mistero in un modo nuovo, un modo suo, non ancora scontato, non ancora codificato. Quindi porta avanti la fede, anche con molto squilibrio, perché questa non gli è di consolazione. Però deve farlo e lo fa. è un po’ un’avventura anche quella, come quella della vita che si cerca di rendere sempre più consapevole sempre più conscia ma che resta enigmatica. La fede… Ce ne son tante di fedi e in sostanza è una dimensione dell’animo. Se la materia della fede può oscurarsi, oscillare, confondersi, come un po’ in tutti, è però una richiesta inesauribile dell’anima, che ce l’ha come dono.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Casomai un’immagine

pck_25_cervi_big th-60 08 09 24 18_pm 22_pm kubrick-37 kubrick-57 ruz-07 ruz-12 petkovsek_15 007 bon_04 bon_sculture_16 piccini_04 religioni1 18 s13 mis-pre2 mis4big-3 murphy-16 galleria10 Katharina Fritsch Padiglione Italia Dog Eat Dog Face 2 Feticci, 2010 A. Guerzoni Quarto movimento, 1951 Carol Rama the-afghan-whigs-1