// stai leggendo...

Musica

Lorenzo Cherubini

Sole e Luna

Immagine articolo Fucine MuteRoberto Lisjak (RL): Allora, che te ne pare di questo nuovo palasport: durante il concerto hai espresso un parere positivo…

Lorenzo: Si, il palazzetto mi sembra molto bello e soprattutto molto adatto agli spettacoli musicali. Se proprio vogliamo guardare il pelo nell’uovo, mi dispiace che il pubblico sia stato tenuto piuttosto lontano dal palco ma abbiamo dovuto montare una voluminosa impalcatura che regge le luci dato che nel palasport di Trieste non esiste una struttura adatta al posizionamento dei riflettori. È strano, in tutti i palasport in cui abbiamo suonato questa struttura c’era ed è un peccato che in un palasport così bello manchi un particolare così importante. Devo comunque dire che dal punto di vista dell’acustica è un posto eccezionale, da dove ero io si sentiva alla grande, da dove eravate voi si sentiva bene?

RL: Voglio ben vedere che tu sentivi bene, avevi il posto più costoso! Scherzi a parte, noi sentivamo benissimo. (Lorenzo gira l’Italia con un impianto da 15 milioni a sera, il migliore d’Europa, dice, l’unico in grado di migliorare la pessima acustica dei palazzetti, ndr). Forse gli odori non si sentivano benissimo… A proposito, com’è nata l’idea dei profumi?

Lorenzo: Mi è venuta leggendo un libro sulle liturgie. Volevo realizzare uno spettacolo che coinvolgesse tutti gli aspetti della comunicazione, e il profumo è uno di questi. è il primo concerto da annusare oltre che da ascoltare: e da vedere.

RL: Qual è il tuo sogno. Che mondo vuoi costruire?

Lorenzo: Mah, non so che mondo costruire, non voglio costruire nessun mondo, non c’è niente da costruire, abbiamo già tutto a disposizione.

RL: In che mondo allora ti piacerebbe vivere?

Lorenzo: Mi piace vivere in questo mondo, vivo da privilegiato in questo mondo, quindi sarei un ingrato se dicessi che non mi piace vivere la vita che vivo, parlando proprio dal punto di vista personale, poi mi piacerebbe contribuire anche a migliorare quella degli altri, se fosse possibile farlo.

RL: In parte ce la fai…

Lorenzo: Lo spero. Sono un po’ cotto perché cominciano a essere le due e cinque, dobbiamo partire per Treviso dove domani abbiamo un altro concerto. Vorrei ringraziare tutti, grazie di essere venuti a Trieste, eravate in tanti, mi sono divertito molto. Un bel posto, un bel pubblico… Bello, bello.

RL: Tu hai detto che conosci dei triestini pazzi come cavalli…

Lorenzo: Uno si chiama Elvio Moratto, è un musicista, un produttore (ha prodotto Walking, ndr). Non lo vedo da dieci anni, però io e lui lavoravamo insieme in discoteca 15 anni fa ed era veramente fuori, un pazzo scatenato.

Ricorda di lui Elvio Moratto, arrangiatore e produttore triestino (sue le produzioni di Sabrina, di Scialpi, di Ramirez, ma anche collaborazioni con grandi artisti stranieri, come con Billy Preston):

Elvio Moratto (EM): La cosa più divertente che mi sia capitata è stato il disco con Jovanotti “Walking”: ci siamo conosciuti alle 4 e alle 8 stavamo già in sala di registrazione. Abbiamo girato in lungo e in largo per presentare quel suo nome curioso, al quale a Roma nessuno credeva: poi abbiamo incontrato un discografico a Milano che ha pensato: cappello da turco, vestito strano, molto simpatico, proviamo. Ed è stata la sua fortuna. Un altro aneddoto. Pensa che suo padre dirige i Musei Vaticani, mi ricordo quanto soffriva vedendo il figlio con l’orecchino… Invece da Walking è esploso un fenomeno nazionale, e con un disco costato un milione quando gli altri già ne costavano venti.

A microfoni spenti aggiunge:

EM: È un ragazzo fantastico, un pazzo come me: pensa, una sera dopo la discoteca ci siamo guardati in faccia e da Roma abbiamo deciso — dalla sera alla mattina — di partire per Milano a caccia di fortuna. Con noi non avevamo niente, se non un bagaglio pieno solo di idee, voglia ed entusiasmo e tanta, tanta incoscienza. Abbiamo caricato il suo materasso — unica nostra dote — sul tetto della macchina e abbiamo imboccato l’autostrada, direzione Milano. E per strada ha pure piovuto. Quando siamo arrivati, anche il materasso era andato, completamente zuppo d’acqua e ormai da buttare. Non avevamo più niente. Ma siamo andati avanti. E il tempo ci ha dato ragione.

RL: Quindi confermi che i triestini sono tutti matti?

Lorenzo: Io ne conosco due e sono tutt’e due matti, poi infatti la legge sui matti è stata fatta qui…

RL: Magari noi confermiano questa regola…

Lorenzo: Mah, direi di sì, insomma per adesso sì: non abbiamo avuto molto tempo, ma è bastato….

Ci raggiunge un simpatico cagnolino…

RL: È tua la “belva?”

Lorenzo: Sì, è il mio cagnolino. Facciamo le presentazioni:. “Pinocchio, ti presento Roby”.

RL: Pinocchio, che bel nome!

Ciao, Lorenzo, alla prossima! E ce ne andiamo.

Altri materiali su Jovanotti

Cronaca d’un concerto
Lorenzo in Cd-Rom
La storia di Lorenzo

a cura di Gianfranco Terzoli

Un lungo inseguimento in auto, nella notte. Scene da Starsky e Hutch, immagini e luci da “Koyaanisqatsi” in una folle corsa sulla superstrada dal palazzetto fino a Barcola, dietro alle auto civetta della polizia di scorta al cantante originario di Roma, ma che da un po’ di tempo vive a Cortona, in provincia di Arezzo, la città dei suoi genitori. Ma alla fine, siamo stati premiati e lo abbiamo “catturato”.

Abbiamo incontrato Lorenzo Cherubini-Jovanotti in una pizzeria, stanco ma soddisfatto al termine del concerto che ha visto il nuovo palasport pieno zeppo e completamente esaurito (in oltre 7000 hanno assistito allo spettacolo, salutato da unanimi consensi). L’immagine che ci ha trasmesso è quella di una persona semplice, molto lontana da ogni forma di divismo dietro la quale si trincerano molti suoi colleghi. Abbiamo poco tempo a disposizione perché sono già le due di notte e non ci sembra gentile rubargli troppo tempo visto che lui stesso ci spiega che, appena finito di mangiare, lui e i suoi musicisti dovranno mettersi in viaggio per Treviso, dove si esibiranno l’indomani.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

On Drums: la nascita del drum set e lo sviluppo del groove

On Drums: la nascita del drum set...

Guida all’ascolto: le strutture musicali

Guida all’ascolto: le strutture musicali

Bula (Torino Underground Cinefest)

Bula (Torino Underground Cinefest)

Amigo (Torino Underground Cinefest)

Amigo (Torino Underground Cinefest)

Denkraum: una favola distopica

Denkraum: una favola distopica

Bellissime: il sogno delle madri genera mostri

Bellissime: il sogno delle madri genera mostri

L’anti-famiglia The Smiths

L’anti-famiglia The Smiths

Frammenti di tre making of: Nightmare, Romeo + Giulietta, Pet Sematary

Frammenti di tre making of: Nightmare, Romeo...

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (III): New York Movie

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Musica indipendente o alternativa?

Musica indipendente o alternativa?

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (II): The Sheridan Theatre

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Il canto degli italiani

Il canto degli italiani

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (I): The Circle Theatre

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

La rivoluzione elettronica della musica

La rivoluzione elettronica della musica

La satira sociale in Anniversario di Harold Pinter

La satira sociale in Anniversario di Harold...

Speciale Violante

Speciale Violante

Il rovescio della medaglia (?)

Il rovescio della medaglia (?)

Muhal Nensah: non voglio dimenticarlo

Muhal Nensah: non voglio dimenticarlo

Edgar Allan Poe The Horror Gamebook

Edgar Allan Poe The Horror Gamebook

Il teatro cileno contemporaneo e le sue radici storiche

Il teatro cileno contemporaneo e le sue...

Dall’Attaché d’ambasciata di Henri Meilhac alla Vedova allegra di Franz Lehár

Dall’Attaché d’ambasciata di Henri Meilhac alla Vedova...

Con un dito solo

Con un dito solo

L’uomo sorridente

L’uomo sorridente

Psycho non abita più qui

Psycho non abita più qui

Una giornata mondiale dell’arte per festeggiare Leonardo Da Vinci

Una giornata mondiale dell’arte per festeggiare Leonardo...

Casomai un’immagine

pas-12 viv-01 viv-07 viv-28 viv-31 th-40 th-61 29 kubrick-28 thole-13 thole-17 biochemicalresearch petkovsek_20 000 005 acau-gal-10 bav-05 bav-06 busdon-18 tso3big cip-13 4 jg_big_1 holy_wood_07 s20 s6 pm-06 sla-gal-4 Jingle SCI-FI Palco, 2011 (particolare dell'installazione) A. Guerzoni