// stai leggendo...

Palcoscenico

Je suis sang





Je suis sang, l’imponente spettacolo creato da Jan Fabre per il Festival
di Avignone con un gruppo di 21 danzatori, attori e musicisti, riflette
sull’attuale stato dell’evoluzione umana e si sviluppa principalmente attorno
all’idea che per gli esseri umani molto poco è cambiato dai “tempi bui” del
Medioevo. A discapito dello sviluppo che ha subito la coscienza, dell’evoluzione
razionale e scientifica, della stessa globalizzazione, non sembra essersi ancora
affermata una nuova immagine mentale e fisica dell’uomo che prescinda dalla sua
innata aggressività. Ecco perché, ancora una volta, è il corpo, con le sue
pulsioni, le sue fissazioni, gioie e sofferenze, al centro di uno spettacolo di
Jan Fabre. Il corpo come origine di continui impulsi e come oggetto di
pericolosi tabù sociali che spesso prendono origine dallo scorrere del sangue:
ferite, mestruazioni, stigmate e massacri. Come un magico mantra ripetuto da più
voci e in più lingue, il grande corpo collettivo a cui danno vita i 21 artisti
in scena riflette l’immagine di una grandiosa storia umana.

……………………………………………………………………………

Per visionare il video è necessario installare un controllo ActiveX ed è altresì necessario poter disporre di connessione xDSL da 450Kbps almeno. Riprese video e montaggio digitale a cura di Michela Cristofoli.

……………………………………………………………………………

Ringraziamo Jan Fabre per la gentile concessione
© 2005 Jan Fabre. Tutti i diritti riservati

Testo, regia, scenografia e coreografia: Jan Fabre.
Attori, danzatori e musicisti: Linda Adami, Katrien Bruyneel, Annabelle Chambon, Cédric Charron, Sebastien Cneude, Anny Czupper, Els Deceukelier, Giorgina del Carmen Teunissen, Stijn Dickel, Barbara De Coninck, Olivier Dubois, Danny Dupont, Ivana Jozic, Heike Langsdorf, Louise Peterhoff, Dirk Roofthooft, Dag Taeldeman, Geert Vaes, Helmut Van den Meersschaut.

Una produzione Troubleyn in co-produzione con Festival d’Estiu de Barcelona, Festival d’Avignon, Melbourne Festival, Antwerpen Open, Zomer van Antwerpen and deSingel.
Progetto Jan Fabre realizzato in collaborazione con il “Teatro Nuovo Giovanni Da Udine” e con Illycaffé.


Si ringrazia per la gentile collaborazione il Css di Udine nelle persone di Fabrizia Maggi, Elisa Dall’Arche e Luisa Schiratti.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Era solo la peste di Ludmila Ulitskaya

Era solo la peste di Ludmila Ulitskaya

La tormenta, il non luogo senza tempo di Vladimir Sorokin

La tormenta, il non luogo senza tempo...

Pen Lettori Trieste: Punto di fuga di Mikhail Shishkin

Pen Lettori Trieste: Punto di fuga di...

Doc nelle tue mani 3: che il flashback sia con voi (fino allo sfinimento)

Doc nelle tue mani 3: che il...

Trieste Film Festival 2024

Trieste Film Festival 2024

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (II)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (I)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro Stabile Sloveno di Trieste

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro...

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con Pera Toons

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con...

Lucca (meno) Comics & (più) Games 2023:...

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide Barzi

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide...

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a Matteo Pollone

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a...

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad Andrea Plazzi

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad...

I quarant’anni della “scatola rossa”

I quarant’anni della “scatola rossa”

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995): la letteratura come seduzione

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995):...

Good Omens 2: amore e altri disastri

Good Omens 2: amore e altri disastri

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen King

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen...

The Phantom of The Opera per la prima volta in Italia

The Phantom of The Opera per la...

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia del 1907

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia...

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Tutto il mondo è un Disco

Tutto il mondo è un Disco

Casomai un’immagine

bon_sculture_09 Dog Eat Dog Gaetano Pesce / Padiglione Italia 36 17 wendygall-13 tsu-gal-big-06 tsu-gal-big-03 pm-22 Otrok06 holy_wood_30 holy_wood_23 piccini_20 bis_I_02 malleus_03 pas-13 ruz-09 thole-17 kubrick-31 kubrick-29 16_pm th-65 th-51 viv-43 mar-14 mar-06 sir-01 pas-21 pas-20 pas-19
Privacy Policy Cookie Policy