// stai leggendo...

Fumetto

Paperi amari

Paperi amari

Incontro con Don Rosa

Don RosaDon Rosa, l’erede di Carl Barks nella costruzione della mitologia dei paperi Disney, non è una persona che le manda a dire. Sin dalla prima domanda della conferenza stampa esprime tutto il suo rancore nei confronti del colosso Disney. Le New Duck Tales non avrebbero preso proprio nulla dal suo lavoro: o meglio, lo avrebbero preso ma come nel caso di Carl Barks lo avrebbero trasformato e snaturato. Solo il fatto che esista un libro come Disney’s Art of Don Rosa è un insulto. L’aneddotica stempera un po’ la tensione: nel suo stand ha allestito artigianalmente un cartello in cui ha scritto a chiare lettere «qui non si fanno Duck Tales!». Il suo stand è d’altra parte uno dei più ambiti di Lucca, e Don Rosa ne è consapevole. Ricorda infatti amaramente che negli Stati Uniti è praticamente sconosciuto, mentre in Europa il suo nome e quello di Carl Barks sono molto noti. D’altra parte in Nord America ben poche persone leggono fumetti, e il settore è saturato dai supereroi.

Parlando dei suoi fan, dice che ha una fila di trecento persone sotto la pioggia battente di questa Lucca per farsi fare un autografo, e questo lo energizza. I festival europei sono ben diversi da quelli statunitensi. In America non sanno nemmeno che Zio Paperone & co. nacquero nei fumetti prima di approdare al cinema e in televisione. Mi sembra un’esagerazione, ma quelli che effettivamente hanno visto le file per Don Rosa mi riferiranno che probabilmente le persone in attesa erano ben più di trecento. Anche l’incontro che terrà al Teatro del Giglio sarà gremitissimo.

A una domanda precisa Don Rosa risponde seccamente che non tornerà a fare fumetti. Il sistema Disney ha distrutto la sua passione per la narrazione. E il “bello” è che la Disney lo sfruttava perché sapeva che lui amava quello che faceva. Don Rosa ha dovuto brevettare il suo nome, mettergli un trademark per evitare che la Disney continuasse a pubblicare materiale col suo nome che non incontrava affatto il suo gradimento. Uno specchietto per la allodole, insomma. Senza mezzi termini definisce quel materiale “crap”. Adesso invece la Disney deve almeno chiedere la sua autorizzazione prima di stampare e distribuire libri, calendari, ecc. col suo nome sopra. La mole di materiale che è stata fatta uscire prima che brevettasse il suo nome ha avuto un effetto indiretto un po’ spiacevole: la gente pensa che sia diventato milionario, ma non è affatto vero.

Parlando di cose più leggere e piacevoli, racconta come la passione di fare fumetti gli venne da ragazzino, quando la sorella era andata via di casa per studiare e gli aveva lasciato un mucchio di fumetti dei generi più svariati. Così iniziò a farne di propri, magari insieme ad altri amici, ispirandosi a quello che leggeva. All’epoca, negli anni Cinquanta, i supereroi non monopolizzavano ancora il mercato statunitense, e c’erano fumetti di tutti i tipi: western, avventurosi, comici…

Incontro con Don Rosa (foto)

Ovviamente Don Rosa non legge più fumetti. Figurarsi: quando mai un fumettista legge fumetti? Forse in Francia o in Belgio. Nel suo caso ci sono dei motivi precisi: oggi quello che vede è un mondo standardizzato, un universo dominato dai supereroi in cui ogni cinque anni si azzera tutto per ripartire da capo nella speranza di attirare nuovi lettori.

Don Rosa non ama molto il Paese in cui vive, non si limita a lasciarlo trapelare ma lo dice a chiare lettere. Fosse per lui, si sposterebbe a vivere in Messico se ne avesse la possibilità materiale, ma come si fa a spostare senza danni le sue collezioni di flipper e di auto storiche? Quasi ad anticipare la domanda legittima di chi potrebbe chiedergli come mai può permettersi simili collezioni se non è diventato milionario, dice che di auto storiche ne ha solo due, e nemmeno troppo costose…

Don Rosa è nato nel 1951 ed è arrivato al fumetto relativamente tardi, alternando la sua passione al suo “vero” lavoro presso la ditta di famiglia (una famiglia di origini italiane, per la precisione di Maniago).
Dopo qualche esperienza su riviste universitarie e quotidiani locali, per cui crea Captain Kentucky, parodia dei supereroi con piglio undeground, a metà anni Ottanta ha modo di mettere a frutto la sua venerazione per Carl Barks, “l’Uomo dei Paperi” che tanto aveva arricchito l’universo di Zio Paperone e compagnia.
Scrive e disegna vari fumetti sul solco di Barks, finché realizza l’ambiziosa Saga di Paperon de’ Paperoni, un progetto-monstre in cui narra la vita del papero più ricco del mondo annodando tutti i fili di continuity delle opere precedenti.
Da una decina d’anni Don Rosa non disegna più fumetti. Pur se reduce da un complicato intervento alla vista, il motivo principale del suo ritiro risiede nelle condizioni frustranti del suo rapporto con la Disney.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Guida all’ascolto: le strutture musicali

Guida all’ascolto: le strutture musicali

Bula (Torino Underground Cinefest)

Bula (Torino Underground Cinefest)

Amigo (Torino Underground Cinefest)

Amigo (Torino Underground Cinefest)

Denkraum: una favola distopica

Denkraum: una favola distopica

Bellissime: il sogno delle madri genera mostri

Bellissime: il sogno delle madri genera mostri

L’anti-famiglia The Smiths

L’anti-famiglia The Smiths

Frammenti di tre making of: Nightmare, Romeo + Giulietta, Pet Sematary

Frammenti di tre making of: Nightmare, Romeo...

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (III): New York Movie

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Musica indipendente o alternativa?

Musica indipendente o alternativa?

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (II): The Sheridan Theatre

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Il canto degli italiani

Il canto degli italiani

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (I): The Circle Theatre

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

La rivoluzione elettronica della musica

La rivoluzione elettronica della musica

La satira sociale in Anniversario di Harold Pinter

La satira sociale in Anniversario di Harold...

Speciale Violante

Speciale Violante

Il rovescio della medaglia (?)

Il rovescio della medaglia (?)

Muhal Nensah: non voglio dimenticarlo

Muhal Nensah: non voglio dimenticarlo

Edgar Allan Poe The Horror Gamebook

Edgar Allan Poe The Horror Gamebook

Il teatro cileno contemporaneo e le sue radici storiche

Il teatro cileno contemporaneo e le sue...

Dall’Attaché d’ambasciata di Henri Meilhac alla Vedova allegra di Franz Lehár

Dall’Attaché d’ambasciata di Henri Meilhac alla Vedova...

Con un dito solo

Con un dito solo

L’uomo sorridente

L’uomo sorridente

Psycho non abita più qui

Psycho non abita più qui

Una giornata mondiale dell’arte per festeggiare Leonardo Da Vinci

Una giornata mondiale dell’arte per festeggiare Leonardo...

Vivere tra l’aspra realtà e la dolce immaginazione

Vivere tra l’aspra realtà e la dolce...

Casomai un’immagine

pas-15 sir-23 mar-30 viv-27 pck_06_cervi_big 08 kubrick-35 kubrick-5 biochemicalresearch deck73 006 piccini_05 mccarroll14 33 39 4 cor05 lortv-03 holy_wood_17 sac_03 pm-24 pm-30 pm-35 pm-39 murphy-34 galleria05 galleria-06 pugh-07 esplosa-06 Robot 3