// stai leggendo...

Scrittura

Testo originale in italiano

Immagine articolo Fucine Mute

Atto di lettura

Ogni parola possiede la sua retta segreta

e il suo profumo.

Avanzo fra le righe

guidata da un mio senso

che nasce col respiro.

All’erta e tutta irta

fra l’una e l’altra linea

di un capoverso

– in verità una strofa –

vado.

Cime vertiginose

dove il cielo sospeso mi trascina

nel basso senza fine.

Capisco il tuo messaggio ma proseguo.

E in un punto di luce

come una retta muta e profumata

incontro la parola dietro le tue parole.

Mi accendo e mi abbandono.

Ti tocco e non ti sento.

Ti sento e non distinguo

il tuo perimetro verbale e verosimile.

Sento la spada del tuo verbo oscuro.

L’indefinito spazio

di questo appuntamento

a un tratto a fior di pelle si rivela:

ferita penetrata

in te per te goduta

in una trasformata

in quello spazio tuo

che il tuo discorrere mi dona.

Immagine articolo Fucine Mute

Deambulatorio

Lo spazio della poesia è sconfinato e buio. O meglio, più precisamente, lo spazio che separa noi dall’avvenimento poetico è una lunga tenebra. Ogni parola incontrata fende la tenebra, la strappa, apre o scopre in essa squarci di luce via via.

La soglia dell’abisso incute paura ma è d’obbligo deporre le armi per entrarvi.

Alla fine un centro si raggiunge ed è la pienezza. Ma la gioia dura poco. L’ordine creato, un attimo perfetto, è subito fugace. L’onda del reale tumultuoso invade la quiete felice della nostra sponda, reca sconcerto e pena.

Solo a distanza di tempo, e non sempre, ma qualche volta, nella lettura del pezzo scritto, si recupera un senso di bellezza e il ricordo di una beatitudine. Tuttavia il ricordo non appaga, anzi risveglia, spinge. E allora, di lì a poco, ci ritroviamo con la penna in mano, la sola spada ammessa.

Scrivere diventa così una costrizione, un dramma e una gioia, un mestiere infinito, come la vita.

Immagine articolo Fucine Mute

Corpo desiderato

Dietro un’immagine
di riflessi incrociati
vedo la tua sagoma

È in me il tuo corpo
e il mio desiderio se ne ciba
fino ad acquistare in te sostanza
fuori di me
irraggiungibile
ardente calamita
del mio sogno

Che costante aspira
a divenire corpo
e costante se ne torna
all’intangibile realtà
del suo principio

Tutto il mio corpo dunque si dissolve
ardente ormai e fuso
confuso col tuo sogno

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Casomai un’immagine

mar-21 viv-31 th-54 th-66 25 30 11_pm kubrick-15 petkovsek_10 mccarroll12 t 01 20 26 cip-05 holy_wood_01 p9 Otrok37 mis-pre1 pm-13 pm-30 pm-37 murphy-04 murphy-17 05 galleria-03 31 wendygall-10 Il Museo della Mafia / Padiglione Italia refused-41