// stai leggendo...

Scrittura

Josip Osti

Il realismo magico e la Bosnia

Immagine articolo Fucine MuteChristian Sinicco (CS): Fucine Mute intervista Josip Osti. Questo viaggio è accompagnato da Sinan Gudzevic, questa volta nostro traduttore-poeta. Josip Osti, poeta, narratore, critico e saggista, è nato nel 1945 a Sarajevo. Qual è la situazione attuale in Bosnia? In particolare qual è lo sfondo sociale a dieci anni dalla guerra a Sarajevo?

Josip Osti (JO): Nessuna delle guerre jugoslave è ancora finita. Le conseguenze sono molteplici e la situazione in Bosnia è grave. Lo stato che ha come nome Bosnia-Herzegovina è una contraddizione in termini: è sì dal punto di vista formale uno stato integro, ma è, nella realtà, diviso. Lo stato delle cose, in senso sociale, è gravissimo: la maggioranza della popolazione giovane cerca di lasciare il paese appena finita la scuola, poiché una vita normale non è possibile lì: deve cercare un altro luogo dove costruirsela, quindi emigrare.

CS: Josip Osti ha pubblicato recentemente un libro con la Multimedia Edizioni di Salerno, il cui titolo è L’albero che cammina. La traduzione è di Jolka Milic. Nelle tue poesie c’è una precisa definizione dell’immagine, della scena, a partire da elementi, eventi reali e intime sensazioni. Spesso la tua poesia scaturisce da questi temi, concettualizza i sentimenti o i sentimenti si fanno attraverso una visione drammatica. Quanto peso porta con sé la realtà nelle visioni che descrivi?

JO: Potrei definire me stesso come uno che appartiene al realismo magico. Scrivo le mie poesie partendo dalle esperienze e sensazioni, e una delle prime e delle più importanti è quella del linguaggio, della mia lingua. Cerco di costruire le esperienze nella mia lingua ed espressività. Una vera ed anche una buona poesia, dovrebbe essere un’arte a doppio taglio, a doppio fondo: al tempo stesso reale e surreale. Quindi supera questa realtà, ma allo stesso tempo rimane nella realtà.

CS: Personalmente sono rimasto molto colpito da una poesia per l’approfondimento dell’immagine, per la comunicatività e la teatralità del tuo fare poesia, spesso drammatica.

JO: Prima di leggerla devo dire che questa poesia l’ho scritta trenta anni fa, forse anche di più. Questa sua attualità supera il contesto e la sensibilità in cui l’ho scritta:

Il patibolo

per me è facile

con l’eterno sorriso poso la testa sul ceppo
non so se altrove mi aspetti qualcosa di più duro della vita
il boia invece deve sollevare su di me la pesante mannaia
e guardarmi negli occhi

chissà perché indugia

cosa mai avrà visto nel mio occhio — nello specchio verde

vede:
anche su di lui un boia chino solleva la mannaia
e sopra il boia un boia
e sopra il boia un boia
e sopra il boia un boia…

e così all’infinito

credetemi è facile per me

con l’eterno sorriso poso il capo sul ceppo
ignoro se altrove mi aspetti qualcosa di più duro della vita
ma il boia deve sollevare su di me la pesante mannaia
e guardarmi negli occhi

e guardarmi negli occhi

CS: Quale condanna pende sull’uomo e quale utopia pensi possa salvarlo?

JO: Se lo sapessi non scriverei poesie. La poesia che ho appena letto era però una specie di “carta di protezione”. La situazione tra aggressori e vittime mi ha convinto di essere felice, di essere tra le vittime e non dall’altra parte.

CS: L’amore è in mezzo al mondo? Ovunque?

JO: Tutto quello che faccio lo faccio per amore e l’amore è la mia risposta a tutto questo. L’amore mi ha fatto poeta, è un titolo di una delle mie poesie.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

L’etimologia dei nomi e il loro significato...

La domatrice e Il Natale di Poirot

Poirot sul Nilo e Due mesi dopo

Tonya di Craig Gillespie

Enrique Jardiel Poncela e la censura franchista

Somewhere Over the Rainbow

Cujo di Stephen King

Tutti quanti voglion fare jazz

La parola ai giurati di Sidney Lumet

Aristotele e Eugène Labiche (II)

Jason Aaron: Gli eroi di Jason Aaron

Aristotele e Eugène Labiche (I)

Glenn Gould scrittore

Roberto Baldazzini: Sultane e dive di Hollywood

Giuseppe Peruzzo: Le novità Q Press

Breve ricerca storica sul concetto di musica...

Stefano Conte "TheSparker": Volt: una scommessa vinta

Elisabetta Cifone: Molto più di un manga all’italiana

Histoire du soldat, una favola in musica

Andrea Rivi: I nuovi traguardi di Nona Arte

Luca Salvagno: Si può epigonare l’inepigonabile?

Wang Xiaobo e l’arte della rivolta

Wang Xiaobo e l’arte della rivolta

Breve excursus estetico tecnico/formale sulla forma sonata

Trieste Science+Fiction Festival 2017

Il signore va a caccia di Georges...

Casomai un’immagine

pas-05 viv-14 th-55 01 12 kubrick-11 kubrick-45 ruz-07 ruz-08 004 bon_sculture_13 bon_sculture_16 piccini_13 g s 30 busdon-03 tso1big tso5big fuga1 tycrbg jg_big_1 s12 s17 pm-22 murphy-25 03 28 Jingle desert Dog Eat Dog