// stai leggendo...

Scrittura

Turni (6)

Apre la porta un giovane dall’aria mansueta che scopro essere di due anni più vecchio di me. Ha il volto pallido e immagino sia per i turni, che fa nella grande acciaieria che in lunghezza occupa mezza statale. Il bambino ha poco più di un anno e ignora il grande trattore a pedali che sta al posto del tavolo in salotto. La casa è appena stata imbiancata, si sono trasferiti da poco. Profuma di pulito. 

La moglie arriva con una cartella ordinatissima di documenti, i colori non familiari della burocrazia di altre nazioni, i timbri sui documenti, le tessere non più annonarie ma annuali, pane garantito se si adempie alle regole del soggiorno. 
Questa famiglia ha appena festeggiato il contratto a tempo indeterminato dell’intestatario dell’abitazione. Un sollievo, che però lascia lui un po’ attonito, spaventato dall’impegno senza scadenza, quel “per sempre”: una durata così incalcolabile da sembrare effimera.

Prima che nascesse il bambino lei faceva la falegname. In Romania, dopo la mattina a scuola, i ragazzi vanno in fabbrica ad imparare un lavoro. Eredi di un mondo che ha imposto la fatica e la mendace uguaglianza come miraggio della libertà. Per poi essere costretti ad adeguarsi nel labirinto coatto dell’altrettanto mendace possibilismo.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Casomai un’immagine

mar-43 pck_09_cervi_big th-14 th-24 13 15_pm kubrick-20 kubrick-53 thole-01 bav-01 004 bon_sculture_17 bis_II_02 piccini_03 piccini_13 piccini_20 s bav-10 busdon-18 fanny holy_wood_14 p8 pm-01 pm-04 pm-26 galleria06 galleria16 07 14 La mole di Carol, 2010 A. Guerzoni