// stai leggendo...

Fumetto

Un fumettista che legge fumetti: Milo Manara

Un fumettista che legge fumetti: Milo Manara

Lucca Comics & Games 2022

Non è facile intervistare Milo Manara, non certo per la sua ritrosia (è anzi molto generoso nel rispondere alle domande) quanto perché, essendo il fumettista italiano vivente più famoso, su di lui si sa già tutto. Infatti, proprio per la disponibilità che lo contraddistingue, ha sempre abbondato in aneddoti e racconti. Né sono mancati, soprattutto negli ultimi anni, testi che ne hanno parlato e vere e proprie autobiografie. Tanto che non mi sembra il caso di usare questo spazio solitamente dedicato alla presentazione dell’intervistato per ripetere cose che sanno tutti.
Per questo motivo, in coda alla conferenza stampa di domenica 30 ottobre, ho cercato di tirare fuori qualche argomento meno scontato, riuscendoci solo in minima parte.

Milo ManaraLuca Lorenzon (LL): Lei ha una lunga frequentazione con Lucca…

Milo Manara (MM): In realtà ci sono tornato solo da qualche anno dopo parecchio tempo, perché la morte di Hugo Pratt mi aveva stordito, non me la sentivo di tornare in un posto che senza di lui non era più quello che conoscevo. Di Pratt avevo scoperto la sua Ballata del Mare Salato su Sgt. Kirk, la rivista di Ivaldi, e fu una rivelazione. Lo conobbi a Lucca la prima volta che ci venni, nel 1969 (nel gennaio di quello stesso anno avevo pubblicato il mio primo fumetto).
A proposito di Lucca, successe una cosa particolare nel 1978. Quell’anno uno degli sponsor erano le Aerolineas Argentinas…

LL: Anche perché quell’anno mi pare che ci fosse la delegazione di autori argentini.

MM: Non ricordo se facessero proprio da sponsor, ma comunque parteciparono. Solo che all’epoca era in pieno corso la feroce dittatura argentina e tra noi autori decidemmo che per protesta avremmo boicottato il Salone, non avremmo ritirato i premi. Solo che quell’anno premiarono proprio me! Era il primo premio che mi davano in vita mia e non sapevo come comportarmi. Così mi rivolsi al pubblico del Teatro del Giglio e feci un rapido “sondaggio” chiedendo se dovessi accettarlo oppure no, e la risposta fu sì[1].
Hugo Pratt mi disse che ero stato peggio di Mario Merola per la sceneggiata che feci!

LL: Attualmente a cosa sta lavorando?

MM: Alla riduzione a fumetti de Il Nome della Rosa di Umberto Eco. È un progetto che mi è stato proposto da Elisabetta Sgarbi. Si tratta di parlare di temi attuali ancora oggi: la povertà, che è il problema più grave di oggi, ma anche la capacità di ridere.
Mi rendo conto che possa sembrare un’opera diversa da quelle che realizzo di solito, ma Il Nome della Rosa è anche un romanzo di formazione perché parte dai ricordi del narratore Adso, quindi anche da quando era un ragazzo che scopriva molte cose tra cui il sesso. Nella parte del libro dedicata all’episodio dell’incontro con una ragazza, Umberto Eco cita il Cantico dei Cantici: sono pagine di una levatura letteraria altissima, ma le metafore sono molto chiare.
Saranno due volumi: il primo avrà il culmine con la scena dell’incontro con la ragazza, nel secondo verrà dato molto spazio all’Inquisizione.

Milo Manara (conferenza)

LL: Al di là delle Sue doti conclamate Lei è ancora più ammirevole per il fatto che in un mondo in cui i fumettisti (soprattutto italiani) non leggono fumetti, Lei in più occasioni ha testimoniato di leggerne ancora e di apprezzarli. Cosa ha letto recentemente che L’ha colpita?

MM: I primi nomi che mi vengono in mente sono Paolo Bacilieri e Zerocalcare.
Zerocalcare è molto interessante perché ha una gamma di registri molto vari, nelle sue storie non c’è solo il comico ma anche il drammatico. Il primo libro suo che ho letto è Dimentica il mio nome e decisamente è toccante l’inizio con questo ragazzo, che solo superficialmente potrebbe sembrare un coatto, che ricorda la morte della nonna.

LL: Di Bacilieri, Lei fu anche il maestro.

Pastelli GiottoMM: Sì, infatti io e lui ci prendiamo in giro perché ricordiamo l’aneddoto di Giotto con Cimabue, quello che una volta veniva raffigurato anche sulle confezioni di matite colorate, l’episodio secondo cui Cimabue rimase colpito nel vedere questo pastorello che disegnava una pecora alla perfezione e lo prese a bottega. E allora anche noi ci chiediamo “l’allievo ha superato il maestro?”.
Bacilieri è stato mio allievo, ma già da ragazzino vidi che era un ottimo disegnatore. E non aveva certo bisogno delle mie raccomandazioni, nel fumetto può esserci un aiuto, spiegare come muoversi o a chi rivolgersi a seconda della personalità di un disegnatore, ma non ci possono essere raccomandazioni perché quello che fai si vede ed è sotto gli occhi di tutti. Insomma, non è come se devi presentare dei disegni a scuola e te li fai fare da tuo fratello maggiore.
Tra i fumettisti italiani mi piacciono anche Gipi e Fior, tanto per fare i primi nomi che mi vengono in mente, ma amo anche la “vecchia guardia” degli autori francesi (ma anche di altri Paesi), quelli che fanno ancora fumetto d’avventura e in cui il disegno non passa in secondo piano come invece mi sembra accada in altri contesti.

Note:
[1] Nel suo libro Il Fumetto, Dario Fontana riporta un altro punto di vista sull’episodio.

Commenti

2 commenti a “Un fumettista che legge fumetti: Milo Manara”

  1. Interessante. Ecco dunque, secondo Pratt, un probabile estratto del “sondaggio” che il Maestro fece al Giglio:

    “Felicissima sera
    A tutte ‘sti signure ‘ncravattate
    E a chesta cummitiva accussi allera
    D’uommene scicche e femmene pittate
    Chesta è ‘na festa ‘e ballo
    Tutte cu ‘e fracchisciasse ‘sti signure
    E’ i’ ca so’ sciso ‘a coppa sciaraballo
    Senza cerca’ o permesso abballo i’ pure
    Chi so che ve ne ‘mporta
    Aggio araputa ‘a porta
    E so’ trasuto cca’
    Musica musicante
    Fatevi mordo onore
    Stasera miezo a st’uommene aligante
    Abballa un contadino zappatore”.

    Ma poi la figura sulle matite Giotto, a me personalmente, ha sempre posto dei seri dubbi. Lo sguardo benevolo di Cimabue sarà stato veramente attratto dalla pecora, o più dal pastorello?

    Di J_D_La_Rue_67 | 13 Novembre 2022, 15:36
  2. Ma no, Pratt cantava i tanghi argentini accompagnandosi con la chitarra.

    Di Luca Lorenzon | 18 Novembre 2022, 14:05

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Four Against Darkness e oltre: Andrea Sfiligoi

Four Against Darkness e oltre: Andrea Sfiligoi

Hope: chi vive sperando (considerazioni su Lucca Comics & Games 2022)

Hope: chi vive sperando (considerazioni su Lucca...

Il fumetto è libertà: Lee Bermejo

Il fumetto è libertà: Lee Bermejo

Un fumettista che legge fumetti: Milo Manara

Un fumettista che legge fumetti: Milo Manara

Il manager del gioco di ruolo: Frank Mentzer

Il manager del gioco di ruolo: Frank...

Trieste Science+Fiction 2022

Trieste Science+Fiction 2022

Morgane: la genialità secondo i franco-belgi

Morgane: la genialità secondo i franco-belgi

Brian e Charles: l’incontro di due solitudini

Brian e Charles: l’incontro di due solitudini

Il mercante di Venezia ambientato a Las Vegas

Il mercante di Venezia ambientato a Las...

L’Elvis di Baz Luhrmann (2022): re del rock o della sovversione?

L’Elvis di Baz Luhrmann (2022): re del...

L’influenza della tecnologia sulle nostre vite

Dottor David Skrbina: L’influenza della tecnologia sulle nostre vite

Chiudendo fuori il mondo

Chiudendo fuori il mondo

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Xenakis: Un intermediario

Xenakis: Un intermediario

Alle origini del fumetto

Dario Fontana: Alle origini del fumetto

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio comparativo

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio...

Avventure senza tempo

Avventure senza tempo

Commentare humanum est

Commentare humanum est

Personaggi a due o tre dimensioni: la disabilità nella letteratura per ragazzi

Personaggi a due o tre dimensioni: la...

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

David Garrett, quando il classico diventa rock

David Garrett, quando il classico diventa rock

Cortometraggi (Trieste Film Festival 2022)

Cortometraggi (Trieste Film Festival 2022)

Būsiu su tavim – I’ll stand by you (Trieste Film Festival 2022)

Būsiu su tavim – I’ll stand by...

L’audiodescrizione a teatro: le avventure di Alice nel sottomondo a Londra

L’audiodescrizione a teatro: le avventure di Alice...

Quota neve (Meja sneženja): i traumi del passato e il gelo del presente

Quota neve (Meja sneženja): i traumi del...

Casomai un’immagine

pas-16 mar-30 th-07 th-32 th-68 th-78 10_pm 28_pm kubrick-38 kubrick-82 thole-20 ruz-04 petkovsek_23 002 mccarroll08 acau-gal-16 cas-15 n oktana holy_wood_01 holy_wood_13 holy_wood_20 s10 pm-23 pm-26 murphy-20 galleria08 09 Campane, 2011 A.Guerzoni Ritrovamento oltremare 2009
Privacy Policy Cookie Policy