// stai leggendo...

Omnia

Sguardi

Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare
Albert Einstein (1879-1955), fisico tedesco.

FreedomSguardo primo.

Fucine Mute è sempre stata un libero calderone di sguardi. E fortunatamente continua ad esserlo, anche se – secondo Freedom House – l’Italia è stata declassata a paese in condizione di semilibertà di stampa. Mi stavo chiedendo come la usiamo questa libertà, e se la usiamo abbastanza, finché c’è. A tutti noi la risposta.

Sguardi altrui.

Nel numero di questo mese proseguono le esplorazioni chartacee grazie all’intervista realizzata dall’intrepida Lorenza Pravato alla giovane autrice emergente Francesca Bonafini e all’irresistibile recensione di Domenico Policarpo, dedicata al Dizionario di letteratura a uso degli snob di Fabrice Gaignault. Irresistibile, dico, perché vi si coglie il frutto di uno sguardo timido e appassionato assieme, così è il nostro Policarpo.

È uno sguardo colorato, spiritoso e iperbolico, invece, lo sguardo di Lorenza, che un po’ si butta, un po’ si intimorisce, un po’ crea. È uno sguardo in movimento, insomma, in evoluzione. Come quello di Cristian Bugatti, in arte Bugo, catturato da Sara Visentin, che ha saputo pazientare e cogliere finalmente l’attimo al New Age di Treviso. Da tutt’altri universi musicali giunge invece Zeno Gabaglio, ritratto da Giorgio Grimaldi, eppure anche le sue improvvisazioni al violoncello suggeriscono l’idea di uno sguardo altrettanto irrequieto.

E poi cinema cinema cinema: è questa una sezione di Fucine Mute i cui contributi non scarseggiano mai, che non smette di entusiasmare e di far riflettere, in un appassionato tentativo di decifrare la magia di quegli sguardi che hanno saputo emozionarci. La promettente Valeria Blanco, sempre a zonzo tra un set e l’altro, ha incontrato per noi questo mese Margherita Buy, alle prese con il difficile ruolo interpretato ne Lo spazio bianco. Daniele Piovino, dopo alcune felici incursioni nel cinema underground made in USA, ha pensato di volgere lo sguardo alle pareti di casa Italia, per capire come vanno le cose secondo Umberto Massa.

Hanno portato avanti i propri lavori con puntuale dedizione anche Marta Zacchigna e Matteo Cavalli. La prima – nell’ambito della trattazione incentrata sui trailers cinematografici – dedicandosi allo studio dell’interpellazione diretta, il secondo proseguendo l’analisi degli ambienti domestici di celluloide attraverso un’incursione nelle camere da letto più amate degli spettatori cinematografici di ogni tempo.

KandinskijImmancabile all’appello anche il nostro Paolo Ghiotto Marin, che continua a farci innamorare e disamorare di Cuba, e a travolgerci nel suo flusso di coscienza da argonauta dallo sguardo critico ma allo stesso tempo sognante.
Filosofico è invece l’approccio al mondo di Alessandro Alfieri, che si tratti di cinema, teatro o arte. Questa volta si è trattato di una mostra dedicata a Hirosige che si è trasformata in un pretesto di esplorazione dei rapporti tra Oriente e Occidente.

E sullo sguardo nostro, di noi fuciniani, che dire? È uno sguardo di attesa. A tratti incazzato, se pensiamo a dove finiscono certi finanziamenti e alla fatica che facciamo noi, invece, per tirare avanti, con le unghie, coi i denti, e con la voglia di continuare ad esserci. A tratti sconsolato, se guardiamo un po’ più in là, se allarghiamo lo sguardo.

Corrispondenze.

Restringendolo, invece, senza parlare al plurale e ricollegandomi all’apertura di questo editoriale: non so che dire. Sarebbe un momento questo – storico, nazionale, culturale, sociale, personale, redazionale, eccetera – nel quale molte cose andrebbero dette. Eppure non escono. Così è. Forse è questione di tempo, non di inerzia si spera, o più probabilmente è questione di modo. Il modo nel quale si dicevano le cose prima sembra non bastare più. Perché guardandosi attorno, sempre più frequentemente, ci si accorge di come non ci sia corrispondenza. Tra dire e fare, tra dire e sentire, tra dire e dare. Il dire centra sempre meno col resto. Si dice senza corrispondenza. Senza limite, senza pudore, senza pausa. O senza che poi succeda nulla. E anche di quel dire con un minimo di corrispondenza rimane poco.

Ma sto scrivendo senza un filo, e mi fermo dunque qui senza proseguire perché non so ancora dove voglio andare a parare. Non so neppure se il discorso avrà un seguito, né quando. Mi sento, in questo momento, una persona senza sguardo. Aspetto e spero che non sarà troppo tardi se e quando riuscirò a trovare un nuovo modo per dire. Per non rimanere tra quelli, giusti o meno non si sa, che restano a guardare.

Albert Einstein

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Don Matteo: siate banali, siate buonisti

La coccinella e il gatto nero

La coccinella e il gatto nero

Fábio Moon/Gabriel Bà: Storie e non pin-up

Signori, il delitto è servito (in versione...

Trieste Film Festival 2020

Non solo giochi di ruolo

Jeff Grubb: Non solo giochi di ruolo

Cita a ciegas: Gioele Dix, Borges e...

Lo scrittore: una specie in via di estinzione

Lo scrittore: una specie in via di...

Mercy

Mirka Andolfo: Mercy

Gap!

Gap!

Alex Alice: Per fare un libro di carta bisogna...

Joker e la follia: Un film per...

John Bolton: Le tecniche della fantasia

Composizione, analisi musicale e tecnologia nella scuola...

Otto donne e un mistero a teatro

Otto donne e un mistero a teatro

Paperi amari

Paperi amari

Bill Willingham: Le Favole a fumetti di Bill Willingham

Trieste Science+Fiction Festival 2019

A modo mio mi prendo cura di te

A modo mio mi prendo cura di...

Mio padre era un uomo sulla terra...

Festival internazionale del cinema e delle arti...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Casomai un’immagine

pas-10 mar-37 viv-06 viv-10 th-06 th-43 19_pm 22_pm kubrick-17 kubrick-21 kubrick-44 petkovsek_01 bon_sculture_04 05 cas-16 akroama antal1 cholmo1 czkd mezzanine1 cor12 murphy-21 galleria10 05 14 27 08 Jingle fisher Jingle SCI-FI Metropolis n-3